«La crisi ci ha unito, il futuro è l’export»

La Provincia Pavese — 20 settembre 2015
Le 21 imprese di “Made in Pavia” alla Cupola Arnaboldi «Lavoriamo per attirare sul territorio clientela straniera»

Un anno fa erano 10 imprese in piena crisi, ora le aziende della Rete di “Made in Pavia” sono diventate 21 e guardano al futuro dalla vetrina che hanno inaugurato ieri e che terranno aperta in Cupola Arnaboldi fino a giovedì. Ora sono forti della presenza di un gruppo di buyers cinesi arrivati in città per visitare le loro aziende e, grazie alla collaborazione con la Provincia, arrivati a vedere le bellezze di Pavia. Per loro la sfida ora è «puntare all’export facendo conoscere il territorio e le eccellenze della manifattura pavese». E a dimostrare che l’aria attorno è cambiata e che le possibilità di lanciare una sfida per lo sviluppo del territorio ci sono è la presenza all’inaugurazione di un nutrito gruppo di sostenitori: dalla Camera di Commercio al Comune, dalla Provincia all’università. Non poteva mancare Confindustria e la Diocesi di Pavia con il vescovo in testa da sempre stretti alleati della Rete.

«Siamo un gruppo di imprese che sanno fare l’eccellenza, ma che non hanno la forza o non sanno comunicarlo al mondo – spiega Ellinor Cappa, vicepresidente della Rete – Insieme cerchiamo strumenti per migliorare la nostra visibilità soprattutto a livello internazionale, ma anche per portare innovazione nelle nostre imprese e fare sinergia con relativi risparmi e scambio di know how». I risultati si vedono: l’essere riusciti ad aprire una vetrina a cascina Merlata, a due passi dall’ingresso di Expo ha portato a una raffica di contatti che si sono già concretizzati in ordini di acquisto. «Un lavoro che abbiamo fatto tutti insieme – spiega il presidente della Rete Davide Caprioglio – e che non saremmo riusciti a fare singolarmente. Il nostro progetto nasce da un’azione legata a Confindustria che è stata il motore che ha legato le aziende fondatrici della Rete». «Tutta questa progettualità – spiega Fabrizio Raina di Confindustria – è legata ai valori dell’etica di impresa ma vuole accelerare sul fatturato puntando su azioni sinergiche che diano visibilità al territorio incrementando la produzione». La rete lavora anche sul fronte dell’innovazione grazie ad una forte collaborazione con il dipartimento di Ingegneria dell’università che sta progettando prototipi utili ai “retisti” e che mostrerà tutti i pomeriggi (ore 17.30 in Cupola) le proprie ricerche con video e filmati. Molta l’attenzione della Rete per le nuove leve: al giovanissimo Andrea Plebe ha affidato il video che racconta tutto il ciclo produttivo delle 21 aziende, a Deborah Balzaretti le fotografie, a Stefano Sacchi l’organizzazione della vetrina in Cupola.

 

«La crisi ci ha unito, il futuro è l’export»
«La crisi ci ha unito, il futuro è l’export»

La Provincia Pavese — 20 settembre 2015

 

» L'articolo su La Provincia Pavese — 20 settembre 2015